Articoli

Text and photos by Anna Morelli

Translation by David J Constable

It was November last year when I received the phone call from Andrea Petrini. We talk often, but the content of this call contained something different: an offer, a request, a challenge. “Are you ready to travel around the world?” he asked, “eating at at all five restaurants that make up the shortlist for the awards?” I took a moment to think. Should I play the drama queen here? Should I curse him to hell? Nah, he knows me too well. “Petrini… of course I’m ready, man!”

Joe Warwick and Andrea Petrini, photo by Paulo Barata

My partner in crime for this culinary whirlwind tour was Paul Carmichael, the chef of Momofuku Seiōbo in Sydney. Like Tom Cruise in Mission Impossible, we accepted our mission and awaited further instructions. There was so much expectation around the first World Restaurant Awards. Anything Petrini and Joe Warwick set their efforts to is always something worth attending. They have the ability and the contacts to create international buzz, and these awards were no exception. I could feel the adrenaline building, and the idea of eating around the globe with Paul was intriguing.

Paul

The details of our mission arrived. The category we were to judge would be “Arrival of the Year”, and the itinerary – devised by IMG – would send us bouncing around the globe for two weeks. I reached out to Paul to make an introduction. “I’m in and ready for the ride!” he replied. The journey began on Monday 7th January 2019. From my home in Lucca, Italy, the plan was to travel to Amsterdam, then on to San Francisco, and from there, to Lima, Peru. Then, a brief return to Europe, before taking to the road for San Piero in Bagno, Italy, and then Paris, eventually ending our tour in Tokyo. We would mark off cities like international assassins, moving from airport to airport, hotel to hotel, restaurant to restaurant. But it started badly.

The fog in Florence had fallen like a blanket, covering the Tuscan hills and obscuring the city. There was no way a plane could take off in these conditions. So I sat and waited, biting my nails. Thankfully, I departed only a few minutes late. But then Amsterdam happened. Arriving at Schiphol Airport, I noticed the hazy Dutch sky hung with a heavy fog like Florence. Perhaps though it wasn’t fog, maybe it was all of the pot – this is Amsterdam after all. A two-hour layover, and then, I’m off again – to San Francisco. US entry. Ohhh, here we go… another gruelling exercise in patience as the blunt instrument immigration officer gives me an aggressive stare, looking into the depths of my soul. Then, the litany of questions: “What are you doing here? How long are you staying for? I’m cool, calm and collected, and reply “One day… I leave tomorrow.” “Huh! What do you mean” she says. I explain my secret culinary assignment to the officer. “Oh, lucky you. I want that job!” she says. And then in I enter, across American lines.

Paul was there to meet me at the airport. He was an easy spot through the crowds. The long black dreadlocks, the mega smile and an entourage of luggage. There’s a huge check-in suitcase, a carry-on and another duffel bag in green, gold and red Rastafari colours. Honestly, I’ve never seen one person travel with so much, although to be fair, he had been but travelling for a month. He tells me that he also encountered a two hour delay at LAX Airport, and when he landed, bumped into Peruvian chef Virgilio Martinez. The irony was that after our dinner tonight in San Francisco, we were due to dine at Virgilio’s Central restaurant two days later in Lima.

Van Ness Inn Hotel in San Francisco

We left the airport, taking an Uber to the Van Ness Inn, near Fisherman’s Wharf. The building is a typical American horseshoe-shaped design, a two-tier motel with parking in front. It’s the sort of place you see in cops and robber movies, when the criminal is on the run with a bag full of cash, and hides out in a motel room. Then, inevitably, there’s a shoot out. It reminds me a little of the Bates Motel from Psycho. Perhaps I shouldn’t take a shower here? I slept well enough. There was some sort of shifty exchange outside of the motel, a fuss between biker types. Paul told me that his room smelt of bleach and he was forced to nap that afternoon with his door open.

Angler’s Bar

That evening, we had dinner at Angler, a new restaurant by American chef Joshua Skenes. Things kicked off with a Pineapple Daiquiri at the bar, a pleasing west-coast style welcome. At the end of the room was a huge blue marlin hanging on the wall, and an open kitchen meant that I could peek in, seeing the chefs at work and an abundance of fresh seafood cooked over open fire. The use of fire is of great importance to Joshua, with the specifics of the kitchen designed to his keen eye. Of even greater importance, is produce; the kitchen working with a small group of fishermen, hunters, gatherers, ranchers, and farmers to find and follow microclimates that produce the highest quality products in local existence.

Radicchio X.O.

Paul and I decide to order from the à la carte menu, with sides of Parker House Rolls and freshly-churned Angler Butter. Everything we receive is good. There’s an Antelope Tartare to begin, a meat I’ve never tried before. It’s an enjoyable texture, a little gamey as expected, similar to venison. The Diamond Turbot is delicious, followed by Radicchio X.O which I find a little to sweet for my palate. Then, Little Abalones, that are truly wonderful, masterfully cooked and like nothing I’ve ever tasted before. And, Petrale Sole, a lovely flatfish that’s prepared to perfection. The food here is clean, fresh and a good reflection of the Pacific Ocean and San Francisco Bay region. Unfortunately, we didn’t try Angler’s signature dish, the Whole Pastured Chicken, but we did see one arrive at the neighbouring table, a wonderful site with the enticing smell of roast chicken stealing my senses. I looked across to gain a better view, and who should I see… Virgilio Martinez, again. He’s dining with Dominique Crenn, the newly crowned three-star chef of Atelier Crenn.

Dominique Creen at her Farm in Sonoma Valley

After dinner, Paul and I join Dominique and friends. There’s a contagious enthusiasm and electrifying energy. Dominique assists us back to our motel, promising to collect us in the morning for a visit to her farm in Sonoma Valley. We wake bleary-eyed and true to her word, there’s Dominique ready to collect us. We visit the farm, picnic in the rain, and leave for the airport. Next stop: Lima.

It’s a bumpy nighttime flight south, across the states to Dallas, Texas, before a change of flight to Lima. The short-tempered American Airline staff do little to ease the journey. Things couldn’t get much worse. But then, oh, here comes dinner…

Paul enjoying the terrible meal served by American Airlines

For the second-leg of the journey, I pass on the meal. Instead, I snuggle into my seat, and self-medicate by popping an Aspirin and knocking back a gin & tonic. Woah, it works wonders, and I’m out like a light, sleeping the entire journey. I wake in Lima, refreshed and eager to get going on our next adventure. In contrast, Paul tells me that he had a wretched time of it. He couldn’t get comfortable in the chairs and therefore couldn’t sleep. Instead, he watched three of the longest movies he could find.

It’s 7am on Wednesday 9th January by the time we land in Lima. Keen to escape the tourist crowd, we depart the airport as quickly as possible but are met with the bumper-to-bumper traffic of morning rush hour Lima. Thankfully, we were not in a rush and had a few free days to acclimatise and recover from jet-lag. Taking advantage of this, Paul and I explored the city. I have a personal link to Lima and, thanks to DNA, have a wealth of family still living across Peru. Now, my youngest daughter Carla lives here – part of her Latin American adventure.

Carla and Paul

We check-in at the hotel, but we’re early and our rooms are not yet ready. I had arranged with Carla to meet Paul and I in the breakfast room and spot her instantly. There she is, my hippie traveller daughter, dressed in dungarees and flip-flops. She took an all-night bus from the very northern reaches of Peru to get here, and my heart bursts upon seeing her.

Babel bookshop in Miraflores, Lima

We drop off our luggage, and then we’re off again. Two have become three, and we explore the Miraflores district, meeting with my friend, Javier Masía. Javier is a local journalist who recently opened the Babel bookshop inside La Casa Inclán. We visit the bookshop, a stunning place surrounded by plants and greenery, next door to both a fashion house and an artisan jewellery store, and adjacent, there is a small but beautiful coffee bar. Javier joins us for our walk around the neighbourhood, stopping to eat ceviche and chicharrón de pescado in the Surquillo Market.

Surquillo Market

I spent the afternoon with Carla, catching up on her adventures and filling her in on mine. Paul grabs a few winks, filling in the missing hours lost during the night flight. We assemble that evening, refreshed and recharged, ready to head to the Barranco district. This is one of the city’s smaller neighbourhoods, but it’s also one of the most beautiful. Over the years it has become a popular destination for creative types, growing into an art hub, and bulging with trendy coffee shops, bars, nightclubs and art galleries. It’s here where we discover Ayahuasca Bar. The name comes from the infusion of Amazonian herbs – the aya-huasca, also called liana of the soul or liana of the dead, consisting of hallucinogenic properties. We order Pisco Sours, before snooping about the property and exploring the impressive venue, but time is tight, and soon we’re off for dinner at nearby Statera. According to Javier, who has knowledge of these things, chef André Patsias and Statera is one to watch. The cuisine is rooted in the Peruvian traditions, using the variety of products from the country’s bounty and its incredible biodiversity. André works closely with a small group of farmers based in the nearby hills and the result is a terrific meal demonstrating a myriad of ingredients and techniques.

Paul and Carla in Barranco

The following day – Thursday 10th January – Carla and I leave early to meet my cousin for coffee. By lunchtime, we’re back with Paul for an appointment at Maido, the restaurant of Mitsuharu ‘Micha’ Tsumura. Maido was not one of the stops on the judging shortlist, but if you find yourself in Lima, travelling with such ravenous company, then you can’t pass on a meal here.

With Micha

Maido, meaning ‘welcome’ in Japanese, is Micha’s flagship restaurant, serving an inventive tasting menu of Peruvian-Japanese ingredients. His approach is truly unique and has resulted in the restaurant earning the number one spot in the 50 Best Latin American Restaurants list for the past two years. The meal was exquisite and while I’d love to continue my love letter to Maido, it doesn’t meet the “Arrival of the Year” criteria. That position was reserved for Kjolle, the new restaurant by Pía Léon, where we would all dine the following evening.

In front of Central with Virgilio

Pía is married to Virgilio and the two have set about creating Kjolle, as well as a bar – called Mayo – on the same complex as Central. The building also houses the offices of Mater Iniciativa, a project led by Malena, the sister of Virgilio, which consists of a team of researchers and botany experts who travel the country to studying ingredients. It’s a real family affair. The biological and cultural research of Mater Iniciativa influences the menus of Central, Kjolle, MIL and Mayo.

Piranhas at Central Restaurant

Dinner at Central was amazing, an unforgettable adventure. The tasting menu speaks of altitudes and ingredients, telling stories of communities and ecosystems: products are sourced from the coast to the desert, from the Andes to the Ceja de Selva, to the banks of the river in the Amazon jungle. Each dish contains a story of only one ecosystem and is composed of products exclusive to that specific area. It is a complex experience, each course accompanied by its own unique story.

Moray Cusco

The following day and it’s another early rise. We’re up and out by 6 am, meeting with Virgilio for a flight from Lima to Cusco in the Peruvian Andes. From the airport, it’s a bumpy incline drive by van – at the dizzying height of 3,568 meters above sea level – to the Sacred Valley, where MIL is located. The idea behind MIL goes far beyond mere restaurant. This is an exercise in agriculture, it is anthropology, research, study, production and processing combined. MIL is all about the people and the land, respecting and preserving a culture. The landscape is breathtaking, set within the ruins of a terraced circular depressions and the Moray archaeological site.

Francesco Dangelo, the anthropologist

Upon arriving in the Sacred Valley, we were greeted by a delegation from the local indigenous community. Santiago Pilco – the community leader – and Francesco – an  anthropologist – toasted our arrival with Chicha de Jora, a local corn beer prepared by germinating maize, but not before they poured a drop for Pachamama, the fertility goddess. Due to the research and work behind the sourcing of ingredients, MIL is only open for lunch, during which they serve an 8-course menu that changes with the seasons.

MIL – Andean Forest (lupinus legumes, pork belly, avocado, rocoto pepper)

With tight time constraints, we were soon back in the van, heading downhill, bumping along a dirt track. The travel, speed and altitude were too much for Paul, who was beginning to feel poorly. Most likely, his symptoms would suggest soroche, the Altitude Mal. We left Cusco for Lima, and once there, Paul returned to the hotel for a hot bath, cotton sheets and a well-deserved rest. I went on with the next stop on our culinary assignment: Kjolle. Having experienced MIL and the Sacred Valley, I now had a greater understanding of the menu at Kjolle and the work gone into sourcing such a vibrant list of ingredients. The name itself comes from a tree that grows in extreme altitudes and produces beautiful orange flowers, the official name being Buddleja Coriacea, but which is referred to as Kjolle, pronounced koye.

MIL Community

The tasting menu at Kjolle is 10-courses, with a vegetarian option available. To begin, there’s an appetizer of Scallops with Seeds & Sea Urchin and Sea Bass and Shells with Mashua and Amazon Nuts. This is followed by Various Tubers & Cassava Olluco Tart with Potatoes. Then a meat course of Duck Tartare served with a delicious warm bread that is typical of the Cusco region. Octopus, Sachatomate, Garlic & Native Basil then arrives, and there is a vegetable dish of Yacón, artichoke & Coffee Broth. There is a sort of Crême Brulée too, made of pumpkin cream with shrimp and bitter orange; and another wonderful meat dish of Beef & Corn with Macambo & Paico. We close with two desserts. The first is a Frozen Pomerose, Muna, Airampo & Cocoa of Mil with Chirimoya & Amazon Honey, which was, well… wow! This was a real standout dish, an avalanche of ingredients with strange and unpronounceable names, that when assembled became something other. It seems to me that the difference between Kjolle and Central, is that Pía is more playful with her ingredients, pulling from all the regions and ancient traditions, but in a more experimental fashion. The result was a truly fantastic dinner with an explosion of new tastes and textures. This really is something very special, and I look forward to returning again soon.

Kjolle – Tubers (Cassava, Olluco, Potato)

After he had fully recovered and tasted the menu at Kjolle for lunch, Paul joined me for our journey back to the airport. We decided that we would discuss the meals as little as possible and let them settle over the coming days. Both Angler and Kjolle had been great, but there were still another three restaurants on the itinerary. We thought it best to keep our cards close to our chest, at least for the time being. Finally, we landed in Florence, where we were collected by my husband and driven back to Lucca.

Pía Léon

Returning to Europe – and Paul’s very first time in Italy – the next day we all drove to Da Gorini in San Piero in Bagno. The restaurant is rather secluded and driving three hours across the country is both the best and most direct way of travel. I have visited the restaurant before and know the young chef, Gianluca Gorini, well, so am pleased to see him upon our arrival as he welcomes us and joins in for an aperitif in front of the fireplace.

Spit of Fifth Quart of Spicy Pigeon

We move from the cosy fireplace setting to our table. It’s a Monday night in winter, so the room is quiet and we share Gianluca with only a few other tables. As the dishes arrive and fill the table, we’re able to question him about the creations, learning more about the genesis of each plate. What follows is a long and complex assembly of ingredients, dotted with flair and flushes of creativity: Battuta di Daino, Bergamot, Chestnut Honey & Coffee; Codfish Almond, Rosemary, Lemon & Olives; Roasted Artichoke, Artichoke Sauce, Capers & Matcha Tea; Barbecued Eel, Radicchio & Shallot; Green Noodles with Mantis Shrimps, Bread Flavoured with Seaweed & Marinated Lemon; Rigatoni with Cream of Smoked Parmesan Cheese, Mace, Coconut & Dried Sausage; Ravioli Stuffed with Shallots, First Goat Salt & Dried Chicory; Passatelli in Cabbage Broth, Pumpkin & Soybeans; Stew of Venison Stewed with Beer, Orange Cauliflower & Carnation; Grilled Pigeon, Laurel Extract & Dark Onion; and Spit of Fifth Quart of Spicy Pigeon.


Spaghetti with gentian butter pecorino and
candid bergamot
, photo by Sofie Delauw per Cook_inc. 22

Gianluca is a chef who doesn’t mind taking risks. He knows all about the balance of flavours, but is brave enough to push the boundaries in an attempt to create something new and interesting. Previously, I had visited Da Gorini in the summer, so this winter menu made a nice alternative and demonstrated Gianluca’s talents. Here, he was able to play with the seasons, using new ingredients, pulling on produce more from the land than the sea. The only ocean-sourced ingredients were the salt cod and the mantis shrimps with seaweed.

Gianluca and Paul

One of many highlights during dinner, was a Rigatoni dish with dried sausage and shaved coconut. The coconut resembles shaved Parmigiano in appearance, but adds a subtle sweetness to the pasta, cutting nicely through the smoked sausage. The table are all agreed that this is one of many highlights, and as I throw in the towel, full from an extensive meal, I realise that there is still dessert to come. I look over to Paul, who smiles at me. “Bring on the dessert” he says enthusiastically. We finish the evening by returning to the snug comfort of the fireplace, where we knock back a couple of gin & tonics. This is a memorable meal that Paul and I will discuss often.

We drove back to Lucca in the morning to repack, but there isn’t time to hang about as we have a flight to Paris. It’s Wednesday 16th January now and we’ve been on the road for just under one-week, during which time we’ve eaten in North America, South America and Europe. Thankfully, it’s a straightforward flight from Florence to Paris and we arrive at our hotel in good time.

Paul and I both have friends in Paris, so we parted for a few hours to touch base with our buddies. My childhood friend, Desirée, is an actress who is based in Paris and I visit the theatre where she is performing in Les Derniers Jours de Ma Vie (The Last Days of My Life). Desirée introduces me to the troupe, who want me to stay for the show. As much as I’d love to hang with the cast, my dinner reservation is creeping up and I’m due to meet Paul, so off I dash to Virtus.

Welcome dish at Virtus

Virtus is the restaurant of Chiho Kanzaki and Marcelo Di Giacomo, two chefs who met in 2009, working for Mauro Colagreco at Mirazur. Paul and I walk to the restaurant, a spectacular setting on the Rue Cotte. Both Chiho and Marcelo greet us upon arrival. Inside, the restaurant is beautiful and cosy with elegant decorations adorning the walls, almost maison privée. We had convinced ourselves that this would be a Japanese menu, however, we soon realised that most of the Japanese chefs based in Paris, are adopting European flavours and leaning more towards classic French cuisine.

Yellow Cod

Dinner at Virtus begins with Scallops, Cauliflower & Broth of Granny Smith, a delicious and fresh partnership that’s the perfect opener. This is followed by Declination of Celeriac, Caviar Osciètre and then Sea Urchin, Fruit of Passion & Watercress. Everything is clean and fresh, high on flavour. Nothing is out of place, although I would say that because of the mix of ingredients and flavours, the character of the sea urchin was lost. The meal continued with Yellow Cod, wonderful in a turnip and clam broth; then Canard de Challans, a roast duck with black sesame that’s perfectly prepared by the kitchen. By the time the Plateau de Fromages is offered – a staple of the French table – both Paul and I are near bursting point, so we decide to split the cheese rather than declining it. Accompanying the cheese is a glass of La Notas by Jean Claude of 2012, Rosso, from Mendoza, Argentina. A few weeks after our visit, I learn that the French Michelin Guide rewarded Virtus with their first star – a well deserved accolade.

Plateau de Fromages

Having marked off Paris, we’re packing our suitcases again, ready to board another plane. This time, we’re saying goodbye to Europe and hello to Asia, as we head over to Tokyo, Japan, on the last stop of our tour. Paul has made several visits to Tokyo and is more familiar with the city than I am, which is just as well, as the subway is confusing, to say the least. I play the tourist and follow Paul’s lead until eventually, we arrive at Inua, located in the uber-cool Iidabashi neighbourhood. Honestly, I have no idea how he found the restaurant. In typical trendy, Japanese style, Inua has no sign, no board, nothing to distinguish it from any other building. But find it he did, and we enter into the stylish building, an elevator taking us up to the restaurant.

Tokyo skyline view

Inua itself is a restaurant of minimalist design. It’s very Japanese, very Nordic too. This is no surprise, seeing as chef Thomas Frebel worked as Rene Redzepi’s right hand man at Copenhagen’s Noma restaurant for nearly a decade. The German-born, Tokyo-based chef now applies his trade using the very finest Japanese ingredients. He spent two years foraging the Japanese land and sea – from the tropical southern islands of Okinawa to the northernmost mountain forests of Hokkaido.

Petrini dined at Inua last year, and his report will feature in the 23rd issue of Cook inc., out March 2019. For me, this was an exciting journey with some new and interesting ingredients. In many ways, it was reminiscent of Noma – Scallop Mousseline, Fresh Tofu, King Crab & White Truffle, Reindeer Tongue, Wild Herb Salad – but punctuated with Thomas’ own unique take on things. Dishes like Seasoned and Smoked Maitake, Grouper in Salted Plum Sauce and Salad of Sweet Prawns & Seaweed were really exceptional. The Enoki Steak with Egg Yolk Sauce is further proof that this is something special, as too is Rice & Beechnuts (please give me a second helping!). By the time the Whole Wild Duck arrived at the table, Paul and I were already won over. The duck – perfectly pink with succulent, lick your fingers fat, and a crispy skin – confirmed everything: this was truly outstanding cooking.

Wild Duck

Deciding that it would be best to moderate our wine intake, Paul and I had plenty of room left for desserts, which include a chewy, pliable and deliciously soft, Mochi. I thought it strange when the lights shook and the room seemed to spin. Turning to Paul, he too had the same look of shock across his face. Hang on, how far gone was I? I had barely touched a drop and I know whether I’m properly sloshed or not! Oh no, this was an earthquake tremor. Gulp! I clung to the table, looking around the restaurant. No one else seemed to mind though, so I took comfort in this and copied the calm actions of the other Japanese diners.

Thomas Frebel

Post-dinner, Thomas and some of the kitchen team joined us at the table. We discussed the menu, the research and the travel required to source such rare and interesting ingredients – like kihada berries from Nagano and scarlet pitanga fruits from Okinawa. These ingredients, when applied, create some of the most inventive cooking in the country.

Imperial Palace

I woke early the following day, scratching my head and having to think about which time zone I was in. I decided to seize the day and venture out while the city was still quiet, marking off the wonderful gardens of the Imperial Palace. I visited the National Museum of Modern Art, taking in the exceptional displays of silk and sculpture, and the Fukuzawa Ichiro exhibition. This proved to be the perfect opportunity to stretch my legs in preparation before boarding yet another plane for the twelve-hour flight back to Italy.

The World Restaurant Awards Ceremony

Finally, I was home, having marked off the Americas (North and South), Europe and Asia. The problem now was whittling down the list, from five to three to a single winner. All of the restaurants were outstanding, all driven by a talented force, all offering something completely different. Paul and I debated the options. We looked at the location, the environment, the chef, the research, the ingredients, the service. We studied all components, moving back and forth until, eventually, we agreed upon one. We now had a winner, but the rest of the world would have to wait until the awards ceremony in Paris on February 18th.

The top spot, in the end, was awarded to Inua and Thomas Frebel in Tokyo, Japan. And, ça va sans dire, a decision which Paul and I both believe, is fully deserved.

Testo e foto (imperfette) di Anna Morelli

Era un giorno X nel novembre dello scorso anno. Andrea Petrini, via FaceTime, affronta gli attesi punti del giorno: viaggi, articoli, eventi. Terminata la rassegna, Andy-San mi ordina di sedermi. C’è qualcosa di importante cha ha da dirmi. Da copione, un brivido sfiora il cervello: è successo qualcosa di brutto, di triste. “Sei pronta a partire in giro per il mondo a mangiare in 5 ristoranti che costituiscono una delle short-list degli Awards?”. Per un indefinibile lasso di tempo resto impalata a decidere se mandarlo al diavolo per quel preambolo da drama queen che mi ha lasciato in apnea, o mettermi sulla sedia – ma sui due piedi, stavolta – a saltare a ritmo di sì. Opto per la moderazione: “Che razza di domanda, certo che sono pronta!”. 

Joe Warwick e Andrea Petrini, foto di Paulo Barata

Per circa un mese l’unico dettaglio reso noto era quello del mio partner: Paul Carmichael – chef del Momofuku Seiōbo di Sydney – mi avrebbe affiancato come giudice di una delle categorie dei The World Restaurant Awards. In ogni caso, ancora prima che arrivasse la rivelante email di Joe Warwick sulla nostra area di interesse, l’adrenalina, l’entusiasmo e l’emozione di far parte di questo gruppo di lavoro hanno invaso le mie giornate. Il tempo dava forma alle cose: Arrival of the Year è la categoria assegnata. Era arrivato il momento di organizzare il viaggio. Due settimane per scorrazzare da San Francisco fin giù a Lima, tornare nel vecchio continente tra San Piero in Bagno e Parigi e concludere il tour a Tokyo. Non si trattava solo di acquistare biglietti aerei e prenotare alberghi. Disegnare l’itinerario significava anche massimizzare i tempi e, per esempio, non arrivare all’altro capo del mondo per trovare il ristorante da visitare chiuso per ferie o giorno di riposo. Incastro dopo incastro, con l’organizzazione di IMG, il piano era stabilito.

Paul al Bar di Angler

I’m in and down for the ride” scrive Paul, sulla mia stessa lunghezza d’onda dell’iper-gasatura. Il nostro viaggio comincia il lunedì del 7 gennaio, destinazione San Francisco. E comincia male. La fitta nebbia all’aeroporto di Firenze suona come un déjà-vu di ritardi colossali, e i pensieri negativi sul non arrivare a SF in tempo per la cena mi oscurano. Breathe-in, breathe-out e il volo parte con solo qualche minuto di ritardo. L’attitudine zen non premia però ad Amsterdam, dove il margine del dubbio è colmato dalle due ore di ritardo cubitalmente espresse sullo schermo. Paul mi dice di non preoccuparmi; aspetterà in aeroporto. Dopo lo sbarco, mi preparo all’ennesimo esercizio di pazienza che non mi si addice: code chilometriche per il controllo passaporti. Ed è di nuovo sorpresa: in pochi minuti sono davanti all’agente. Tutto è in ordine, e mi chiede solo quanto tempo rimarrò negli States. “One day, I’m leaving tomorrow.” L’espressione interrogativa sulla faccia della signora dai tratti asiatici del Customs and Border Protection muta in un divertito “Oh! I want that job!” dopo averle brevemente raccontato la missione da portare al termine in due settimane.

Il Van Ness Inn di San Francisco

Ed eccolo palesarsi, accessoriato con un mega sorriso, lunghi dreadlocks, borsone dai colori rasta, una mega valigia e un carry-on. È Paul, anche lui arrivato con 2 ore di ritardo da LA. Divertito mi racconta di essersi imbattuto in Virgilio Martinez in aeroporto. Non poteva credere alla coincidenza di averlo incontrato per caso, considerando che la nostra prenotazione al suo Central a Lima è solo due giorni dopo! L’Uber ci porta al Van Ness Inn, tipico drive in americano costruito a ferro di cavallo, con lo spazio auto al piano terra. Chiavi in mano, ci salutiamo e raggiungiamo le nostre camere. L’appuntamento è vago: chi si sveglia per primo manda un whatsappino, ché tanto la cena è prevista alle 9.00 PM. Quando ci sentiamo sono già le 8.00. Paul mi racconta che la sua camera puzzava di varechina e che ha dovuto dormire con la porta aperta. Era un po’ annoiato, avrebbe dovuto chiedere di cambiare camera ma alla fine è crollato comunque. L’aspetto positivo è che siamo sufficientemente ricaricati per affrontare la prima tappa: Angler, il nuovo ristorante di Joshua Skenes.

Il Bar di Angler

La serata da Angler inizia con un Pineapple Daiquiri al bar. Siamo arrivati un po’ presto e il servizio diligente e accogliente west-coast style ci chiede di attendere la preparazione del nostro tavolo. In fondo alla sala decorata con enormi Blue Marlin appesi ai muri, c’è la bellissima cucina a vista con le griglie e il fuoco, peculiarità voluta da Skenes. “Open wood fire”, la chiama, un design personalmente pensato e disegnato che rispecchia il concetto di cucina naturale, senza sovrastrutture, caratterizzata da prodotti selezionati con cura di cui esaltare i sapori. Decidiamo di ordinare alla carta: Antelope Tartare, Diamond Turbot, Radicchio X.O., Little abalones, Petrale Sole e il pane, i Parker House Rolls con il burro di Angler. Tutto è decisamente buono: non credo di avere mai mangiato l’antilope in vita mia, anche se a dirla tutta il sapore non differisce tanto da altre carni. Il crudo di rombo è squisito, mentre il radicchio si fa aspettare un po’. Gustoso, ma forse un po’ troppo dolce per il mio palato. I mini abalones sono eccellenti, ma il top è la sogliola. Non ne avevo mai assaggiata una così grande e cotta magistralmente. Le carni sono tenere al punto giusto e nulla viene a coprire il gusto del pesce. Si coglie l’idea di cucina dello chef Skenes pur non assaggiando il suo signature dish: Whole Pastured Chicken.

Radicchio X.O.

Ne hanno servito uno al tavolo accanto a noi, e un po’ ci mordiamo le mani. Sembrava assolutamente perfetto. Siamo ancora seduti al tavolo quando davanti a noi si materializza indovina chi? Virgilio Martinez. Che doppietta! Stava insieme a Dominique Crenn proprio nella sala accanto, in una tavolata di cuochi e amici. Dominique, col suo entusiasmo contagioso e la sua energia elettrizzante, decide di riaccompagnarci in albergo promettendoci di vederci il giorno seguente. Fissiamo l’appuntamento alle 9.00 del mattino per visitare la sua Farm nella Sonoma Valley. Una scampagnata sotto la pioggia prima del volo per Lima.

Dominique Creen nella sua Farm a Sonoma Valley

La pioggia si è calmata, e dopo poco più di 24 ore siamo di nuovo in aeroporto. Viaggeremo con American Airlines. Non ne ho un buon ricordo, e la memoria non m’inganna: una combo di cabin-crew scorbutica e del peggior cibo mai messo sotto i denti. Lo scalo è a Dallas, e in men di un’ora siamo di nuovo in volo verso Lima. La mia strategia è quella di mangiare il meno possibile e di diluire il pasto con un cocktail di GT + Aspirina. Il trucco funziona alla meraviglia. Ho dormito per quasi tutto il volo e all’arrivo mi sento benissimo, fresca e rilassata. Paul invece si è guardato 3 film e ha dormito poco, che non lo aiuta una volta sul taxi immerso nel traffico caotico della periferia Limena.

Paul e il delizioso pasto by American Airlines

Sono le 7.00 del mattino. In Perù siamo riusciti a concederci qualche giorno extra. Sia io che Paul abbiamo approfittato dell’occasione per visitare qualche ristorante in più. Ma io ho qualche altra ragione personale per trattenermi. Per inciso: il Perù fa parte del mio DNA, lì ho la famiglia materna e l’ennesimo caso della vita vuole che anche la mia figlia junior sia in Perù in quei giorni. Arrivati in albergo, ovviamente le nostre camere non sono ancora pronte, così temporeggiamo nella sala delle colazioni. C’è qualcun altro che però ha più esigenza di noi di ristorarsi a suon di caffeina. Starter pack dell’hippy 3.0 composto da: zaino in spalla, salopette, infradito e faccia di chi ha viaggiato tutta la notte su un autobus partito dall’estremo nord del Perù. Carla, mia figlia, è arrivata.

Carla e Paul in Hotel

Ci lasciamo per installarci nelle nostre camere e ritrovarci per esplorare Miraflores, cogliendo l’occasione per incontrare l’amico Javier Masías, un giornalista che ha aperto la libreria Babel all’interno di una casetta da sogno: La Casa Inclán, non lontana da noi.

La libreria Babele a Miraflores

Lo spazio è meraviglioso, immerso nel verde di un negozio di fiori e piante, tutto accanto a un design store, una gioielleria artigianale, uno negozio di moda e la libreria, con un piccolo coffee bar adiacente. Insieme a lui facciamo un giretto per il quartiere, mangiamo ceviche e chicharrón de pescado nel Mercato di Surquillo. Optiamo per un pomeriggio di relax: io lo trascorro felice con la mia bimba, mentre Paul riesce a ritagliarsi il tempo per una bramata pennica. Barranco è la nostra prossima tappa.

Mercato Surquillo

È uno dei quartieri più piccoli e più belli della città: un po’ artsy, è diventato trendy negli anni. Vivo, pulsante, zeppo di piccoli caffè, locali notturni, gallerie d’arte. È là che scopriamo il Bar Ayahuasca. Il nome viene da quello che è un infuso fatto di erbe amazzoniche (l’aya-huasca, detta anche liana degli spiriti o liana dei morti) dalle proprietà allucinogene. Saremmo certamente stati là a sorseggiare un altro Pisco Sour e a curiosare con il cameriere su questo locale incredibile, ma il count-down scorre inesorabile: la cena da Statera del giovane chef André Patsias è vicina. Il ristorante è fresco d’apertura ma, secondo Javier, questo è uno dei posti da tenere sott’occhio e di cui si sentirà parlare spesso. Cucina contemporanea basata su prodotti dell’incredibile biodiversità peruviana. Ancora un Pisco Sour – al Carnaval, un coktail bar davvero fantastico – ed è decisamente tempo di congedare quella che è sembrata una giornata di 48 ore. Il programma dei prossimi giorni è altrettanto intenso. Ce ne andiamo tutti a dormire.

Paul e Carla a Barranco

Giovedì 10 gennaio parto presto dall’hotel per andare a salutare un cugino e poi ritrovarmi con Carla. L’appuntamento con Paul è alle 12.30 da Maido, il ristorante di Misha (Mitsuharu Tsumura) di cucina Nikkei. Maido non era tra le tappe contemplate per Awards, ma se ci sei a tiro non puoi bypassare uno dei migliori ristoranti del Sud America e del mondo. La capacità di Misha di mediare e fondere le sue due culture, giapponese e peruviana, è davvero unica, sorprendente e squisita. Spenderei parecchio altro spazio a scrivere di Maido, ma questa è la sede dedicata alla short-list dei New arrival, e allora torno in tema anticipandovi che il prossimo sulla lista è il Kjolle di Pía Léon, la moglie di Virgilio.

Da Maido con Misha

Visiteremo Kjolle il giorno seguente, mentre la cena, quella del 10, è stata al Central. Non credo sia sensato raccontare il primo senza citare l’ultimo, o viceversa. Ne è complice la prossimità – i due ristoranti e il bar Mayo sono nello stesso complesso, a Barranco, in un luogo incredibile risultato di anni di ristrutturazione/costruzione, il tutto circondato da un bel giardino curato. Ci sono due ingressi: uno per ristorante e al centro si trovano gli uffici di Mater Iniciativa, progetto guidato da Malena, sorella di Virgilio.

Piranhas al Central

Il Central costeggia una vetrata lunga quanto la sala, mentre la cucina è a vista. Il menu degustazione parla di altitudini e dislivelli, racconta storie di comunità e di ecosistemi: dai prodotti della costa a quelli del deserto, dalle Ande alla Ceja de Selva, fino alla foresta amazzonica. Ogni piatto racchiude un racconto, è composto da prodotti esclusivi di specifiche aree. È un’esperienza complessa, come se ogni portata fosse circondata da altri satelliti, altre parentesi che si aprono e che raccontano nuove storie. Io però qua di parentesi ne sto aprendo un po’ troppe; è tempo di rimettermi in riga.

Moray Cusco

Venerdì 11, sveglia alle 6.00 di mattina. Perché non stravolgerci un po’ di più e partire con Virgilio a Cusco (in aereo) per continuare (in furgoncino) su strada sterrata fino a Moray (3.568 metri di altitudine), nella Valle Sacra degli Incas dove si trova MIL, l’ultimo nato dei progetti che questo inarrestabile chef è riuscito a mettere su? Non si può definire MIL come un ristorante, è molto di più. È un esercizio di vita, è agricoltura, è antropologia, è ricerca e studio, produzione e lavorazione, inclusione e condivisione, contaminazione tra persone e culture diverse, nel rispetto di ognuno. Il paesaggio è mozzafiato, le rovine di Moray sono di una bellezza unica. Non ho mai visto niente di lontanamente simile a MIL nel mio curriculum di girovaga per ristoranti.

Francesco

Letteralmente: ne sono rimasta folgorata. Sotto la pioggia ci aspettava una piccola delegazione della comunità indigena locale. C’erano 4 donne, Santiago Pilco – il leader della comunità e Francesco, l’antropologo che mantiene i rapporti con le popolazioni coinvolte. Ci hanno raccontato del loro lavoro e ci hanno fatto bere Chicha de jora (non prima di averne versato un goccio alla Pacha Mama). MIL è aperto solo a pranzo e il menu degustazione è composto da 8 portate che di nuovo si muovono tra prodotti, altitudini ed ecosistemi diversi.

MIL: FORESTA ANDINA (legumi lupinus, pancetta di maiale, avocado, pepe rocoto)

Purtroppo il tempo a disposizione era veramente poco, a fine pasto siamo dovuti riscappare e giù col furgoncino sulla strada sterrata e tutta curve, per tornare all’aeroporto di Cusco. Paul comincia a non sentirsi troppo bene. Sospetta sia qualcosa che ha mangiato, ma i sintomi sono chiaramente quelli del soroche, il Mal di Altitudine. Arrivati a Lima, Paul deve andare a riposare. Un vero disastro per noi visto che (per la shortlist) dovevamo assaggiare proprio Kjolle. Ci riaggiustiamo così: io vado a Kjolle la sera e Paul, rifiorito, il giorno dopo.

La comunità di MIL

Kjolle (pronunciato koye) è il nome di un albero andino resistente alle altitudini più estreme e che ha un bellissimo fiore arancione. Il ristorante è al primo piano del complesso. È luminoso e accogliente, con un ambiente allegro e informale e tavolate fino a 8 persone. Il menu degustazione è di 10 portate (anche in versione vegetariana), ma si può anche scegliere alla carta. Si inizia dal pesce – con l’antipasto di Capesante con semi e riccio di mare, la Spigola e conchiglie con Mashua e noci dell’amazzonia – piatti freschi e saporiti, per continuare con i Tuberi vari e con una tartelletta di Cassava Olluco e patate, scoperta di sapori primordiali.

Segue l’Anatra, servita in tartare e accompagnata da un pane senza mollica tipico della zona di Cusco. Il concetto è quello di farcire il pane e mangiarlo con le mani, ed è succulento, da bis. C’è poi il Polpo, sachatomate, aglio e basilico nativo e c’è un piatto vegetale di Yacón, carciofo e brodo di caffè. Arriva anche una sorta di Crême brulée fatta di crema di zucca, con gamberi e arancia amara. E ancora: Manzo e mais con macambo e paico. Chiudiamo con due dessert: Frozen Pomerose, muna e airampo e Cacao del Mil con chirimoya e miele amazzonico. Wow, direte voi. Wow, confermo io. Una valanga di ingredienti dai nomi totalmente ignoti. Quello che succede a Kjolle però, è che Pía, a differenza del Central, si prende la libertà di giocare, utilizzando tecniche ibride e mescolando elementi provenienti da aree diverse. La cena è stata fantastica. Un’esplosione di gusti e profumi in un locale bello dove il servizio funziona alla perfezione. Una scoperta, un ristorante dove vorrei tornare, e presto.

Pía

Il giorno seguente, a pranzo, accompagno Paul ad assaggiarsi con tutta calma il menu. Il nostro volo era a fine pomeriggio. Fino a questo momento io e Paul abbiamo deciso di confrontarci il meno possibile sui 2 ristoranti, ci siamo detti che era meglio parlarne dopo. La sera siamo volati verso casa. Arrivati a Firenze, Frans, mio marito, era lì che ci aspettava. Per andare a San Piero in Bagno non esistono troppe opzioni: bisogna arrivarci in macchina. In 3 ore siamo Da Gorini. Quanto è bello tornare in un posto che ti piace facendolo scoprire a un amico?

Davanti al Central con Virgilio

Prendiamo l’aperitivo davanti al camino. Il locale è tranquillo: è lunedì sera, e Gianluca ha tempo per noi. Appena seduti al tavolo, i piatti arrivano a ritmo cadenzato: Battuta di Daino, bergamotto, miele di castagno e caffè  – Mandorlato di baccalà, rosmarino, limone e olive – Carciofo arrosto, salsa di carciofo, capperi e tè Matcha – Anguilla alla brace, radicchio e scalogno – Tagliolini verdi alle canocchie, pane profumato alle alghe e limone marinato – Rigatoni alla crema di Parmigiano affumicato, macis, cocco e salsiccia secca – Ravioli ripieni di scalogno, primo sale di capra e cicoria appassita – Passatelli in brodo di verza, semi di zucca e soia – Stinco di capriolo stufato alla birra, cavolfiore arancio e garofano – Piccione alla brace, estratto di alloro e cipolla fondente – Spiedino di quinto quarto di piccione speziato.

Spiedino di quinto quarto di piccione speziato

Sono felice di degustare questo menu, molto diverso da quello assaggiato la scorsa estate. È giusto così; cambiano le stagioni, cambiano i prodotti, pur restando una cucina di terra, più che di mare. Sono solo due gli appunti marini: il baccalà che riporta al sud, sotto il sole tra olivi, limoni e rosmarino e i tagliolini con le uova di aringa, che saltellano in bocca insieme all’aroma dell’erba cipollina.

Spaghetti mantecati con il burro alla genziana, pecorino e scorze di bergamotto candito, foto di Sofie Delauw per Cook_inc. 22

Gianluca si mette in gioco e rischia, declina sapori e li spinge fino a dove può. Tornano punte di amaro, sapori decisi ma bilanciati. È il caso dei rigatoni, dove il cocco (spiazzante all’esordio) trova il suo posto preciso, mescolandosi al sapore forte e determinato della salsiccia secca e all’affumicatura non invadente del Parmigiano. L’amico Paul ha ancora appetito, per fortuna. Io sono arrivata al limite ma non posso non assaggiare i dolci e finire con gli strepitosi Spaghetti mantecati con il burro alla genziana, pecorino e scorze di bergamotto candito. Stupore e profondità. Paul sgrana gli occhi, non ci può credere. Il dopocena è ritmato da chiacchiere fitte e GT, e rientro a piedi al nostro simpatico hotel Bologna. Paul e io parleremo spesso e a lungo di questa cena memorabile.

Gianluca Gorini e Paul

Dopo un meritato giorno di riposo a Lucca siamo pronti a ripartire. Prossima tappa: Parigi, partenza mercoledì 16. Tutto scorre senza intoppi e arriviamo al nostro hotel. Paul decide di andare a trovare degli amici e così anch’io vado a salutare Desirée, la mia amica d’infanzia, attrice che vive a Parigi da sempre. La accompagno al teatro. Questa sera (e per il resto del mese) reciterà nella pièce “Les derniers jours de ma vie”: il ruolo è quello della madre di un uomo in coma, che la famiglia vorrebbe far tornare alla vita. Desi mi presenta tutta la troupe, insistendo affinché mi trattenga. Vorrei, ma la mia agenda prevede altro.

Aperitivo al Virtus

Ritrovo Paul. Siamo a due minuti a piedi dal Virtus, dove abbiamo la prenotazione per le 8.30 PM. C’è solo il tempo per una birretta su una terrazza e siamo al Virtus, che toglie il fiato. Un locale spazioso accogliente, con una decorazione elegante e colmo di opere d’arte. Quasi una maison privée. È quella dell’architetto e proprietario Marcelo Joulia. Gli chef Chiho Kanzaki e Marcelo di Giacomo si sono conosciuti nel 2009 al Mirazur. Lei giapponese, lui argentino, hanno deciso di intraprendere il proprio percorso a Parigi. Al nostro arrivo ci hanno accolti al bar, con un aperitivo e un primo assaggio. Paul e io ci eravamo ingenuamente convinti di arrivare in un ristorante di cucina giapponese, realizzando solo dopo che in realtà la maggior parte degli chef giapponesi che lavorano in Francia sono orientati alla cucina francese di stampo più classico.

Merluzzo giallo, rapa e brodetto di vongole

Inizia il menu con le Capesante, cavolfiore e brodo di Granny Smith, squisito e fresco un’apertura perfetta. Segue la Declinazione di sedano rapa, caviale Osciètre e il Riccio di mare, frutto della passione e crescione. Non c’è un dettaglio fuori posto, tutto è buono e gustoso, forse solo un po’ troppo gentile. Il riccio di mare ha perso parte del suo carattere. Il Merluzzo giallo, pur nella sua delicatezza, ritorna perfetto nella combinazione di rapa e brodetto di vongole. Il Canard de Challans, un’anatra arrosto con scorzonera e sesamo nero non fa una piega. È succulento, cotto divinamente. Ci siamo lasciati tentare anche dal Plateau de Fromages – come si faceva a rifiutarlo – dividendone uno in due e accompagnandoci un calice di La Notas di Jean Claude del 2012, Rosso Argentino. Non siamo certo rimasti sorpresi di sapere che, poche settimane dopo la nostra visita, la guida Michelin attribuiva la prima stella al Virtus. Meritatissima.

Plateau de Fromages

È tempo di chiudere le valigie e ripartire. È la volta di Tokyo, ultima tappa del nostro tour. Tokyo, la metropolitana. Guardavo esterrefatta Paul orientarsi con disinvoltura tra le sue linee, e riflettevo: io di sicuro mi sarei persa. Paul e la sua destrezza riescono ad accompagnarci in hotel dopo poche ore dal nostro arrivo all’aeroporto e da un viaggio estenuante. L’arcano è presto svelato: Paul è stato tante volte a Tokyo, quel che basta per farlo cicerone del duetto. Ancora oggi mi sembrava surreale essere riusciti a trovare Inua. Insegne, frecce, ideogrammi, cartelli? Nulla. Un mistero come abbia fatto a portarci lì.

Tokyo dall’alto

Entriamo in un edificio moderno, elegante e sobrio. Dobbiamo aspettare di essere accompagnati al 6 (7?) piano, e varchiamo la soglia per accedere alla grande sala di Inua. È uno spazio minimal elegante e accogliente, con la cucina a vista dentro cui una ventina di giovani si muovono con agilità e leggerezza, concentrazione e solerzia. Sono felice di essere qui per poter conoscere Thomas Frebel e assaggiare personalmente la sua cucina.

Sul numero 23 di Cook_inc., in uscita a marzo, sarà Andrea Petrini a raccontarlo. Il menu degustazione è composto da 13 portate: comincia con una Mousseline di capesante, Tofu fresco, noci e caviale, King crab e tartufo bianco, Lingua di renna, insalata di erbe selvatiche, e prosegue con un assaggio di Agrumi speziati. È da sballo. Tanti sapori nuovi con qualche eco alla cucina del Noma, dove Thomas e vari altri membri dello staff hanno lavorato a lungo. Prodotti del territorio reperiti con cura maniacale ed estrema difficoltà, specie per garantire un approvvigionamento regolare.

Anatra selvatica

Mentre continuiamo con il Maitake stagionato e affumicato, la Cernia in salsa salata di susine e l’Insalata di gamberi dolci e alghe, arriva al tavolo l’Anatra selvatica intera, della quale in un primo momento ammiriamo estasiati solo la cottura. Arriva poi nel piatto sporzionata. Rossa la carne, croccante la pelle, fondente il suo grasso in bocca. Siamo senza parole. La bistecca di Enoki con salsa al tuorlo d’uovo è sorprendente, ma facciamo il bis di Riso e beechnuts, servito ancora su quella pelle croccante e ricca di anatra. Golosissimo, squisito.

Thomas Frebel

Una cena memorabile. Quando si arriva al dessert (tra cui un Mochi da sballo!) tutto comincia a tremare. Eppure, grazie in larga parte alla saggezza di Paul, abbiamo deciso di moderare il vino per concentrarci al meglio sulla degustazione. È la stanchezza – mi chiedo – mi gira la testa, o l’effetto collaterale di questa cena sublime? Sospetto che non sia nulla di tutto ciò quando incrocio lo sguardo impietrito di Paul. Le lampade oscillano, e qualche posata inizia a traballare. Nessun effetto speciale: è una reale scossa di terremoto. Ancor più straniante, di principio, è osservare la nonchalance dei tavoli attorno: nessuno si muove, tutti continuano a mangiare placidamente. Prendiamo spunto dai locali, così faremo anche noi, godendoci i dolci rincuorati dal ricordo che l’antisismico in Giappone è brillantemente collaudato.

Imperial Palace

Dopo cena siamo rimasti a chiacchierare con Thomas e il suo team. Abbiamo visitato gli spazi, le cucine, la zona Lab, le celle per le fermentazioni, osservando quanto il tutto fosse incredibilmente tecnico, avanzato, professionale, stupefacente. Sono state una cena e una serata memorabile, senza eufemismi. La mattina dopo mi sono svegliata molto presto, e non avendo alcuna voglia di rimanere chiusa in albergo, ho deciso di passeggiare per gli iconici e meravigliosi giardini del Palazzo Imperiale resi ancora più affascinanti dal fatto che a quell’ora fossero deserti. Ho visitato il Museo Nazionale di Arte Moderna della città. Ho fatto il pieno di sole, ho camminato per quasi tre ore, preparandomi al meglio all’ennesima segregazione di 12-13 ore dentro un aereo.

La premiazione dei The World Restaurant Awards

Ed è così che siamo arrivati al momento cruciale, quello di confronto, quello in cui non basta ripercorrere una per una le esperienze, ma tirare le somme, per prendere la difficilissima decisione: scegliere solo uno dei 5 ristoranti come vincitore della categoria dei Arrival of the Year. È stato veramente complicato, e a tratti ci è sembrato quasi ingiusto. Angler, Kjolle, Da Gorini, Virtus e Inua sono ristoranti estremamente diversi, tutti veramente unici e speciali. Solo alcune solide linee guida hanno potuto portarci verso una scelta univoca e, come accordato al principio del nostro viaggio, abbiamo preso in considerazione ambiente, servizio e, chiaramente, la proposta gastronomica dei 5, guardandone poi tutte le componenti in maniera olistica. Il risultato oramai lo conoscete, è stato annunciato il 18 febbraio alla cerimonia dei The World Restaurant Awards a Parigi: il premio è stato assegnato a Inua. E io, ça va sans dire, non posso che essere pienamente d’accordo.