Testo di Redazione Cook_inc.

Foto di Al Mèni

Che fate il 22 e il 23 giugno?

Vi diamo un’idea: c’è Al Mèni a Rimini (e noi non ce lo perdiamo).

Il Circo mercato di sapori e cose fatte con le mani e con il cuore – nato sei anni fa da un sogno di Massimo Bottura realizzato grazie al Comune di Rimini, all’Associazione Chef to Chef Emilia Romagna Cuochi e Slow Food Emilia Romagna – torna in Piazzale Fellini, dentro e fuori al tendone del Circo 8 e ½. È prevista festa, festa grandissima!

In programma quest’anno (nel dettaglio qui)

La “solita” sana baldoria gastronomica e qualche bella novità. Sono stati chiamati in cucina (da Enrico Vignoli e Andrea Petrini) 24 chef – 12 locals dall’Emilia Romagna e 12 global da tutto il mondo – per interpretare, raggruppati a coppie miste, i migliori prodotti del territorio emiliano nella cucina a vista del circo.

A partire dalle 12.30 di sabato 23 sotto al tendone ci saranno: Davide di Fabio e Simone Tondo, Tim Butler e Kim Mikkola, Evelyn Kim, Raffaele Liuzzi e Bledar Kola. E ancora Matteo Salbaroli con Tom Anglesea, Luca Marchini insieme a Colombe St Pierre, per concludere alle 22 con Marco Cavallucci e Marie-Victorine Manoa. Domenica invece alla stessa ora entreranno in cucina Franco Cimini e Giovanni Passerini, Mario Ferrara e Jefferson Alvarez, Michele Bacilieri  e Dalad Kambhu, Rino Duca e Jordan Bailey, Mattia Borroni e Francisco Cardenas e infine Giovanni Cuocci e Romain Tischenko.

Attorno al circo ci si potrà sfamare negli speciali punti street food gourmet. Uno spazio sarà dedicato al gelato artigianale in collaborazione con Mo.Ca. e i docenti della Carpigiani Gelato University: la “Gelateria dei sogni” dove si assaggeranno i gusti tradizionali delle migliori gelaterie della Romagna e quelli limited edition firmati dagli chef di Al Mèni.

Sul lungomare i migliori prodotti del territorio saranno in bella mostra nei banchi del mercato. Ci saranno proprio tutti: gli immancabili principi della regione come il Parmigiano Reggiano, l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, il Culatello di Zibello, i salumi di mora romagnola, insieme ai salumi Piacentini insieme a miele, frutta, verdura selezionati  dall’Associazione Chef to Chef, in collaborazione con Slow Food e Strada dei Vini e dei Sapori di Rimini. Inoltre Slow Food Emilia Romagna e Condotta di Rimini porteranno ad Al Mèni 2019 una riflessione sul “Mare bene comune” attraverso laboratori, incontri, personal shopper e assaggi.

Non è tutto: i manufatturieri di Matrioška Lab Store: l’evento-contenitore che richiama a Rimini due volte all’anno i migliori creativi con il suo “Speciale Matrioška”, una incursione di più di venti tra i migliori artigiani e designer che andranno ad animare un salone a cielo aperto che parte dalla Fontana dei Quattro e prosegue per tutto piazzale Fellini, come ad accompagnare i visitatori all’ingresso del tendone del Circo 8 e ½. Vestiti, gioielli, arredi, ceramiche, illustrazioni, lampade e tanti prodotti dedicati al cibo… tutti creativi e originali.

E ancora due “Fuori Al Mèni”: una festa in spiaggia il sabato sera con tutti gli chef protagonisti dell’evento, consolle dj e cocktail;  un Pic Nic stellato della domenica mattina, un déjeuner sur l’herbe nei giardini del Grand Hotel di Rimini a cura di Claudio di Bernardo, chef del Grand Hotel di Rimini, Roberto Rinaldini, maestro di pasticceria, in collaborazione con Massimo Bottura e gli chef di Al Mèni.

N.B. L’evento sarà completamente plastic free. E, grazie alla collaborazione con Food for Good, il cibo non consumato al termine dell’evento sarà recuperato.

Ci vediamo ad Al Mèni!